Skip Navigation LinksAnteprima Codice Etico
venerdì 19 gennaio 2018

CODICE ETICO

Formazione, partecipazione e dialogo per una navigazione consapevole

Perché una comunità possa definirsi tale, è necessaria la condivisione di un contesto ambientale, nonché di vincoli di natura comportamentale, culturale e sociale.
Questi concetti sono altrettanto validi per le comunità virtuali di Internet ed, in particolare, per i social network, dove il legame comunitario nasce dalla libera adesione degli utenti e da comuni obiettivi di interazione e di dialogo.
Le norme che disciplinano un social network vanno, perciò, dal rispetto dei termini contrattuali e delle disposizioni di legge (vedi: Condizioni d’uso) alle regole di galateo (vedi: Netiquette) richiamate nei contratti di fornitura dei servizi da parte dei provider.

Ma un’accezione estensiva della Rete, che è propria dell’identità e del progetto comunicativo di Orbisphera, implica un livello di condivisione ancora più ampio. Dove valgono norme non scritte che definiscono la qualità dei rapporti tra i membri della community. Con una speciale attenzione alle componenti che attengono al campo dei valori e dell’etica.

In particolare, vogliamo evidenziare tre punti che riteniamo prioritari per un servizio finalizzato al bene comune. Tre punti che assumiamo come ideale “Codice etico” di Orbisphera:
1. la formazione;
2. la partecipazione;
3. il dialogo.

La formazione è quella forma di esercizio critico che aumenta la capacità di valutare i contenuti informativi di un messaggio, aiutando l’utente a servirsi dei media in modo consapevole e attento.

La partecipazione è quella forma di atteggiamento psicologico che conferisce all’individuo un senso di appartenenza, rafforzando i legami con la comunità e spezzando il senso di isolamento che deriva dal confronto con un mondo aggressivo e sfuggente.

Il dialogo è la premessa indispensabile per affrontare i grandi problemi del nostro tempo – l’impegno per la pace, i diritti dell’uomo, la salvaguardia dell’ambiente – promuovendo la cultura della solidarietà e dando corso a nuovi progetti di vita.

Dall’integrazione dei tre fattori suddetti nasce il potenziale positivo di Orbisphera.
Formazione, partecipazione e dialogo riscattano l’individuo dal monocorde e unilaterale flusso informativo dei media di massa e lo proiettano nella dimensione interattiva della comunicazione moderna. Non più spettatore passivo ma “navigatore attivo della rete”.

Navigare nel mare di Internet è un po’ come navigare nel mare della vita, dove «ogni uomo che incontro è una boa che mi costringe a una virata», come scriveva il poeta Giuseppe Jovine, grande  esponente letterario del ‘900.
Si può navigare portati dal vento, oppure scegliere consapevolmente la rotta.
Gli amici di Orbisphera optano per questa seconda soluzione.

Banner